Il Risveglio dell'Alchimia Uterina

…attraverso cui camminare l’io collettivo e risvegliare la danza del Corpo che si riconosce Tempio

Il Sentiero Rosso è un libro dedicato alle donne di ogni età, e in particolar modo alle madri, che sentono l’urgenza di risvegliare la bussola dell’AnimaCorpo come pratica di liberazione politica e di ri-affermazione del potere personale e collettivo; come espressione di amore e servizio alla Madre Terra.

È un testo profondamente esperienziale che invita ad incamminarsi in un lungo viaggio-medicina grazie al quale reintegrare la saggezza dei cinque elementi radice e della propria alchimia uterina.

Un percorso sostenuto da tanti strumenti pratici e preziosi nutrimenti capaci di riattivare l’arte di annaffiare i semi d’amore che ciascuna donna si porta dentro.

Ogni fase di passaggio del femminile viene trattata in chiave antropologica, corporea, energetica e rituale: dal concepimento cosciente al parto, dalla nascita al menarca, dalla mestruazione alla pubertà, alla sessualità come iniziazione, dalla gravidanza alla menopausa.

Un’opera in cui ogni parola, ogni suono, ogni immagine evocata è strettamente radicata al battito tribale del proprio cuore.

 

Chi sono?

Arrivare al punto di dimenticarsene, nel mentre cresce la fusione con il piacere di strisciare a terra e sentire la pulsazione del suolo.
 

Chi sono?
Adesso Sono corpo
Sono istinto
Sono passione
Sono piacere
Sono dolore e sofferenza
Sono curiosità
Sono gioia
Sono l’alba che guardo
Sono sole che scalda la pelle
e la pelle scaldata dal sole
smetto di percepirne la differenza
smetto di sentire la separazione
sole raggio aria tiepida pelle calda
tutto è uno.
Sono i miei occhi che vedono al buio
e allo stesso tempo
sono il buio che mi avvolge

L’animale non fa distinzione


Per potersi muovere in sicurezza l’animale diventa uno con l’ambiente che attraversa: si espande, si fonde: è in comunicazione profonda.
Ed è in quest’istante che l’io diventa un minuscolo punto di mondo, una soglia attraverso cui respirare l’universo intero, una finestra da cui affacciarsi.
Una porta da cui lasciar entrare tutta la tribù, umana e non umana, esistente nel nostro pianeta.

L’io diventa un punto che si dilata per divenire avvolgente come un abbraccio, caldo come un cuore che batte, vasto come l’intero orizzonte che si posa dolce sul mare.

Attraverso l’anima-le interiore l’io si trasmuta in una piccola briciola che si incendia per generare luce e calore: ed è solo dissolvendosi che può incarnare tutto il potere di questa tribù ancestrale ed esprimere così la sua dimensione collettiva e corale.

 

Ascolto

L’animale ci riporta alla dimensione dell’ascolto, a farla risorgere dentro di noi.
Tornare a sentire per tornare ad ascoltare.
Solitamente si presuppone che nell’ascolto ci sia già un’attività cerebrale in cui decifro, colloco, distinguo e creo risposte.
L’animale ci mostra come l’ascolto che nasce dal sentire possa essere vuoto e totale nello stesso frangente: totale perché in quel momento l’animale è completamente dedito a sentire, a recepire; tutto il corpo è in quel suono, in quel rumore, in quel sapore, in quel movimento… è una dimensione totalizzante.
Vuoto perché lui smette di esserci: l’animale è come un contenitore concavo in cui l’esterno può entrare e davvero trovare spazio, ma non per metterci le radici, per modificare o destrutturare, solo lo spazio giusto e necessario da attraversare, come una via.
Il suono entra totalmente ed esce totalmente, lasciando dietro di sé una vibrazione.
Una vibrazione dentro.
Il contenitore dell’animale è quella struttura ancestrale fatta di istinti, di memorie, di millenni di evoluzione racchiusi in un solo battito.
Quella saggezza che indica la direzione agli stormi che migrano nel cielo percorrendo migliaia e miglia di km ogni anno, che porta i salmoni a risalire lo stesso fiume da cui sono nati, gli elefanti a riunirsi sotto la guida dell’elefante femmina più anziana.
Il corpo sa.

Ecco dove vogliamo fare ritorno:

“Il corpo sa”


Non vogliamo presupporre cosa il nostro corpo dovrebbe o non dovrebbe sapere.
Siamo qui innanzi tutto per fare tabula rasa, e poi in un attimo accogliere il vuoto che tesse tutte queste cose assieme e che scandisce le pause tra un’emozione e un sentire, e che ci porta dentro e allo stesso tempo ci porta oltre noi.
Il corpo è contemporaneamente la porta di entrata e di uscita, più entri e più ti espandi, più accogli la tua piccolezza e più ti rendi infinita.
L’atto del respirare consapevole è il ponte che permette questo ingresso, questa entrata dentro di noi e dentro il tutto.
Incontrai Tich Nath Han appena ventenne e fu una folgorazione.
Il primo incontro fu nel pieno centro di Roma: eravamo centinaia e centinaia di persone, praticando la meditazione camminata in modo lento e profondo, nel pieno caos romano, scorrevamo come un fiume: eravamo gocce di una stessa grande onda… presente.
Poi durante il ritiro a Castelfusano ebbi modo di iniziare ad approfondire questa pratica apparentemente così semplice da essere disarmante, da aprire il cuore e la coscienza in un istante.
Praticare con Thay ha significato per me imparare ad affidarmi, a lasciarmi letteralmente sconvolgere dalla quiete profonda che incarnava ed esprimeva nella Sua presenza.
Eravamo in ottocento persone, eppure durante il pranzo, nei momenti in cui un monaco suonava la campana eravamo avvolti da un silenzio totale, un silenzio pulito, un silenzio dipinto nell’assenza di pensieri.
Camminare portando attenzione al respiro, al piede che si alza andando incontro al terreno mentre l’altro è ben saldo al suolo, così lentamente, un passo dietro l’altro, lo sguardo che non fissa un punto ma che resta ben aperto… abbracciando l’orizzonte.
Tutto ciò mi ha permesso più volte di sperimentare la mia animalità: questo senso di fusione tra dentro e fuori, questo confine che si fa labile perché così pieno di vita.
Inspiro “Eccomi!”
Espiro “Sono a casa!”
Tutto il corpo torna ad avere un nuovo senso, fatto di respiri profondi, di sangue che circola nelle vene, di battiti, di pensieri accolti e dissolti senza combattere.
Il corpo palpita nella sua vulnerabilità e proprio nella sua vulnerabilità risorge nella sua forza.
Il fine non è la forza: è l’accoglienza.
L’accoglienza di sé, dei propri processi, di ciò che è o che non è.
Pura e semplice accoglienza senza identificazione e senza distanza, respirando, sentendo…
senza il bisogno di alimentare l’auto-narrazione.
Il dolore è tutto lì in quella stretta al petto, in quelle lacrime che escano e che non possono più fermarsi.
E il passato diventa una lacrima. Il passato è quella stretta che senti al centro delle spalle, non occupa più spazio di questo.
Tutto il resto è la ridondanza che dobbiamo lasciar andare.
 

Vedi posso sentire dolore senza morire…
posso penetrare respirando in questo punto di sofferenza sotto la spalla
e scoprire che passa espirazione dopo espirazione…
posso accogliere la paura e ascoltare il suo lamento
e stupirmi di quanto in fretta mi abbandoni.
 

Condividerò delle indicazioni molto pratiche e concrete affinché tu stessa possa fare esperienza del tuo corpo, osservarlo e continuare a comprendere e decifrare la sua lingua.
Continueremo, infatti, ad osservare come funziona il nostro corpo guardando un po’ più da vicino la sfera gin-ecologica, e a relazionarsi alla propria ciclicità in modo nuovo.

 

 

Varcare la soglia
Introduzione
Sulle Tracce del Sentiero Rosso

Capitolo I: Prepararsi a partire
Appunti di Viaggio
Le Maestrie della Viaggiatrice

Capitolo II: Le Cinque Radici e gli Strumenti Alchemici
Mettere Radici nel Corpo
Come usare questo libro?
Cerimonia degli Elementi


RADICE ACQUA
Rivolgiti al Sud
Nuotando nel Sentiero Rosso

Capitolo I: La Radice Acqua nel Corpo: Svadhisthana Chakra

Capitolo II: Le Acque Lunari
Autobiografia Mestruale
Semi di Antropologia Mestruale
La Danza dell’Alchimia Mestruale
Fluire con Intenzione
Accompagnamento Mestruale
Incarnare il Valore
Creare Ritualità
Comunicare
Semi d’Amore della Donna Selvaggia – I Tre Nutrimenti

Capitolo III: La Gravidanza prima della Gravidanza
Concepimento Cosciente

Capitolo IV: GraviDanza e Maternità Acquatica
La Gravidanza: Comunicare la Magia del Processo Creativo
La Gravidanza come Viaggio nell’Ignoto
Riconnettersi attraverso i Chakra della Creazione
Maternità Acquatica
Osservazione Partecipata
Fluire tra Fusione e Raccoglimento
Celebrare e Gioire
L’Arte di Benedire
Canto Navajo
Semi d’Amore della Madre Acquatica – I Tre Nutrimenti

Capitolo V: Il Tempo della Grande Madre
Oltre il Senso di Separazione – Risvegliare la Tribù Interiore
La Grande Ribelle: Colei che tesse Presente, Passato e Futuro
Trasformare l’esperienza in Saggezza
Incarnare la Guida – Il Potere della Vulnerabilità
Corpo Tempio
Luna
Integrare gli Archetipi
Ritrovare il posto nella Tribù
Semi d’Amore della Grande Madre – I Tre Nutrimenti


RADICE TERRA
Invocazione all’Ovest

Capitolo I: La Radice Terra nel Corpo: Muladhara Chakra

Capitolo II: Tempio Anima-le
Chi sono?
Ascolto

Capitolo III: La Danza Ciclica
Conoscersi attraverso il Linguaggio biomedico
La Danza Intuitiva degli Ormoni
Dalla Teoria alla Pratica

Capitolo IV: Autodiagnosi Mestruale

Capitolo V: Autopalpazione al Seno

Capitolo VI: Radicarsi attraverso la Ruota dell’Alchimia Rossa
OVEST – TERRA: Donna Orsa, Mestruazione
NORD- ARIA: Donna Civetta, Pre-fertilità
EST – FUOCO: Donna Serpente, Fertilità
SUD – ACQUA: Donna Rana, Pre-mestruo
Le Direzioni Intermedie
Nord Est
Sud Est
Sud Ovest
Nord Ovest
Semi d’Amore della Donna Alchemica – I Tre Nutrimenti


RADICE ARIA
Invocazione al Nord

Capitolo I: La Radice Aria nel Corpo: Anahata Chakra

Capitolo II: Comunicare per Guarire
Connettersi alle Emozioni
Aprire il Cuore per nutrire l’Empatia e liberare la Vulnerabilità

Capitolo III: La scoperta dell’altro nel rispetto di sé
Piacersi per Piacere o Piacere per Piacersi?
Sessualità con il Cuore
La Polarità Energetica del Corpo Femminile e del Corpo Maschile
Comunicazione Sessuale

Capitolo IV: Ecologia mestruale. Comunicare con il pianeta

Capitolo V: Aria Lunatica. Comunicare con la ciclicità lunare
Semi d’Amore della Donna che Ricorda – I Tre Nutrimenti


RADICE FUOCO
Invocazione all’Est

Capitolo I: La Radice Fuoco nel Corpo: Manipura Chakra

Capitolo II: Il Corpo Alchemico
Il Corpo come Mappa del Tesoro
Vaso Alchemico
Attivare il Grande Calderone
La Pratica
Ardendo nell’Araba Fenice
Fai della tua vita il Grande Fuoco Alchemico

Capitolo III: Menarca e pubertà
Corpo e Cambiamenti
Ormoni tra Libertà, Paura e Cultura
Adolescenza: Dal Fiore al Frutto della Madre-Padre
L’Arte del Silenzio e del Respirare Assieme
Ritrovarsi in Cerchio per Celebrare
Raccogliere il Primo Sangue Mestruale
Semi d’Amore della Donna in Fiore – I Tre Nutrimenti

Capitolo IV: Iniziazione alla Sessualità
Sacralità Erotica
Modificare i Corpi per Liberare i Generi o Liberare i Corpi dai Generi?
Sanare la Frattura tra Mente e Corpo
Entrare dalle Porte del Tempio
L’Estasi della Vagina
Semi d’Amore della Donna Amante – I Tre Nutrimenti

Capitolo V: L’Iniziazione del Parto e del Post Parto
Partire
Celebrare nel Labirinto del Parto
La Paura
I Sensi del Dolore
Parto come Delirio Estatico
La Trinità è Unità
Lotus Birth e Placenta
Rituali Placentari
La Placenta nelle tradizioni Italiane
Usi Magici della Triade Prenatale: Ombelico, Amnios e Placenta
Scorrere e Ardere nei Quaranta Giorni dal Parto
Invertire la Rotta
Semi d’Amore della Donna che dà alla Vita – I Tre Nutrimenti

Capitolo VI: Menopausa e Iniziazione alla Terza Vita
Trasmutazione
Il ritorno di Saturno
Semi d’Amore della Donna che si Affida – I tre Nutrimenti


RADICE ETERE
Invocazione all’Etere

Capitolo I: La Radice Etere nel Corpo: Vishuddha e Ajna Chakra

Capitolo II: Camminando nell’Etere

Capitolo III: Ricevere la Visione
Respiro
Recuperare l’Umanità del Vivere
La Danza lucida nella Nebbia e il Recupero delle Energie latenti
Risvegliare la propria Curandera interiore
Sogni Notturni
La Cerimonia dei Talenti
La ruota medicina dei talenti

Capitolo IV: Essere Preghiera
Preghiera Corpo
Preghiera Respiro
Preghiera Poesia
Preghiera Fiducia
Preghiera Compassione
Preghiera Natura
Preghiera Amplesso
Preghiera Distruzione-Creazione
Preghiera Silenzio

Capitolo V: La Tribù delle Camminanti delle Stelle
Semi d’Amore della Donna Arcobaleno – I Tre Nutrimenti


Ringraziamenti
Bibliografia

 

Sconto Speciale Epifania -20%!

Formato: 17 x 24 cm in Brossura
Pagine: 440
Prezzo: 24,00€ (invece che 30,00)
ISBN: 9791280041180

SPEDIZIONE GRATIS con il Corriere GLS.
Consegna in 24-48h

 

 

L'autrice

Maddalena Valenti

L'autrice

Madre, antropologa, naturopata e doula olistica. Insegnante di yoga. Guida e custode dedita a diffondere percorsi, individuali e di gruppo, di Consapevolezza, Radicamento e Guarigione.
Ha iniziato da giovanissima a creare e condurre cerchi di donne nei più svariati contesti, con il desiderio di seminare sorellanza e accompagnare le donne ad abitare la loro Casa, a risvegliare insieme la sacralità del proprio Utero Corpo.

Le piante, il respiro, il corpo e la creatività sono parte integrante del suo cammino e del suo servizio. Il Viaggio della maternità vissuto fin da principio in modo non medicalmente assistito, le ha permesso di contattare sempre di più la sua parte intuitiva e istintuale, lasciando sempre più spazio al suo essere animaleumana. È dedita a un cammino tantrico in cui l’energia maschile e femminile sono costantemente in una profonda comunicazione alchemica.

È creatrice del progetto di Donna Indigena, che offre cammini e servizi specifici rivolti a donne di tutte le età, coppie, madri e genitori.

Edizioni Unsolocielo è la spontanea evoluzione del blog naturagiusta.it

In particolare, la linea editoriale è dedicata alla Dea, al Sacro Femminile. A quella Saggezza del Cuore in grado di nutrire, stimolare ed elevare la nostra Consapevolezza. 

In questo momento, infatti, riteniamo che il passo evolutivo più importante che si pone di fronte all’umanità sia molto chiaro:

Riequilibrare lo sviluppo scientifico e la “conoscenza del fuori”, di tipo maschile, con una altrettanto sviluppata “consapevolezza del dentro”, di tipo femminile.

Il Risveglio della Dea, essenzialmente rappresenta proprio questo indispensabile e necessario passo in avanti che dobbiamo compiere prima come singoli individui e poi come società.

Intendiamo lavorare al servizio proprio di questo cambio di percezione interiore, contribuendo, nel nostro piccolo, a diffondere i concetti ed i valori del “Sacro Femminile” ed, in linea generale, la concezione olistica della vita.

Edizioni Unsolocielo è il marchio editoriale di Naturagiusta.
© Naturagiusta 2023. Tutti i diritti riservati

I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento totale o parziale con qualsiasi mezzo sono riservati per tutti i Paesi. Per i diritti di utilizzo contattare l’editore.

NATURA GIUSTA
Via Superiore della Torrazza 36
16157 – Genova
P.IVA 02214260990

Email: info@naturagiusta.it

Condividi

×
×

Carrello